impactmania student internship — The Role of Social Media in Migration

impactmania student internship — The Role of Social Media in Migration

Human Mind and Migration Program – THE ROLE OF SOCIAL MEDIA

 

BY MARTINA CHIRICO


This week’s article is about the working group The Role of Social Media in Migration, which is a very current topic because of social media’s power to keep us interconnected (almost) always and everywhere.

 

I connected with Margherita Scialino, a member of the impactmania‘s internship project Human Mind and Migration. Unlike the other groups, this team consists only of Italian students. The Messaggero Veneto Scuola students receive opportunities to work with the Californian students in the Program. Cultural connection and learning happen through the Global Calls and collaboration with peers and professional experts in the field.

The main questions this group is trying to learn more about:

  • How can immigrants keep in touch with their home country through social media?

  • How can social media help NGOs that advocate for migrants’ rights spread their messages and reach the public?

  • How does social media affect the motivation of students to move or study abroad?

Each member is focusing on three main questions and finding at least one person to interview. During one of the impactmania’s student Global Calls, former senior producer of ABC TV News and Emmy-award winning investigative journalist, Carla De Landri, and Chair of the Department of Religions Studies at UC, Santa Barbara, Prof. Fabio Rambelli, helped provide some insights to the students, so that now they are able to focus on the right questions to ask the people they are interviewing.

The group is focusing on different people and their relations with social media. Anna De Martin is getting in touch with the NGOs, Still I Rise, United We Dream and Amnesty International: in her interviews she is asking about the main purpose of an organization’s social media communication, how social media is essential to the organization for reaching migrants, and how the approach of the organization toward social media with the COVID-19 pandemic has changed. 

For Amnesty International Italia, she interviewed Ilaria Masinara, campaign manager, and Ginevra Candidi, social media manager, and for Still I Rise, she interviewed Vincenzo Vasco, social media manager.  


Chiara Meneghini
will interview an Italian girl, Gemma Pellegrini, 17 years old, who moved from Udine to New York eight years ago, asking why she migrated, how she felt at first in the United States and if her opinion has changed, and finally, how she keeps in touch with her home country and if she’s following Italian
news.

Alessandra Scomparin is bringing the experience of her cousin Elena, who decided to study in California for a semester during university, asking if social media helped or affected her in some ways to decide to study abroad and how different the use of social media is in America; she’s also looking for an expert who knows how algorithms work in order to investigate what determines the posts or stories we see on social media and how they change based on different people.

Federica Riccobono is looking for a sociologist, and she’s analyzing the changes with social media in the impact of language, comparing how significant social media and “classical” media are in the migratory flow and if a country could influence migration through its news.

Edoardo Mecchia is trying to interview a YouTuber whose life is based on social media. He will try to find out how it helps him move all around the world, as well as which country he visited has the highest level of technology and use of social media. Edoardo Mecchia is also going to interview an Italian man that works for Mercedes Benz in Stuttgart, Germany, after studying at the University of London and spending some months in California for work, and he’s going to ask why he decided to move abroad, how he felt the first time in a new country, and how useful social media is for keeping in touch with his family and friends in Italy.

Chiara Della Bianca will interview Chiara Bardelli Nonino, photo editor of Vogue Italia and L’Uomo Vogue, wondering how useful social media is for her work; her family is one of the most important producers of grappa, the Nonino family, and it was the first Italian distillery to have won the “Wine Enthusiast Star Award Spirit Brand/Distiller of the Year 2019”, so the grappa has also emigrated beyond the Friulian borders and social media has had an indispensable role in advertising the product abroad.

Students are really excited about this project. This group is well advanced with its research, and they have already found people to interview and will soon publish their findings.

Students like the impactmania internship program because it requires effort and time, but they are free to plan their own schedule. Margherita said, “It’s an opportunity to start thinking in a more concrete way, a working method that has never been taught to us in school. We have the chance to meet people and experts in our area of interest and learn how they faced the problem on which we are investing, and we also grow great self-esteem by talking in English with people we never met before; Paksy [founder of impactmania who initiated and leads the program] and Francesca are helping us so much.”

Francesca Milocco, program manager and community liaison for impactmania said: “Social media is so powerful in influencing the human mind because its content is highly visual.”

The economist Kate Raworth writes, “The most powerful stories throughout history have been the ones told with pictures. […] It takes just 150 milliseconds for the brain to recognize an image and a mere 100 milliseconds more to attach meaning to it.”

Moreover, Dr. Lynell Burmark, expert of visual literacy, explains that “unless our words, concepts, and ideas are hooked onto an image, they will go in one ear, sail through the brain, and go out of the other ear.  Words are processed by our short-term memory where we can only retain about seven bits of information … Images, on the other hand, go directly into long-term memory where they are indelibly etched.”

Members of the group:

Margherita Scialino (MV Scuola)

Anna De Martin (MV Scuola)

Alessandra Scomparin (MV Scuola)

Chiara Della Bianca (MV Scuola)

Alice Nadalin (MV Scuola)

Mariasole Mauri (MV Scuola)

Gaia Montanaro (MV Scuola)

Edoardo Mecchia (MV Scuola)

Giulia Sonego (MV Scuola)

Chiara Meneghini (MV Scuola)

Federica Riccobono (MV Scuola)

Caterina Mauro (MV Scuola)

 

 

impactmania internship MIGRAZIONE, CONNESSIONI E SOCIAL MEDIA

 

Di Martina Chirico

 

L’articolo di questa settimana riguarda il gruppo che si occupa di “Il Ruolo dei Social Media nella Migrazione”, argomento molto attuale per il potere di mantenerci costantemente connessi sempre ed ovunque (o quasi).

Ho contattato Margherita Scialino, un membro del secondo gruppo del progetto di internship di impactmania, Human Mind and Migration. A differenza degli altri gruppi, nel loro sono solo studenti italiani. Gli studenti del Messaggero Veneto Scuola hanno l’opportunità di lavorare con gli studenti californiani del programma. Gli incontri culturali sono avvenuti grazie alle Global Calls e gli incontri con i gruppi di ricerca di altri argomenti.

Le domande principali alle quali questo gruppo vuole trovare risposta sono:

 

  • Come fanno gli immigrati a mantenere i contatti con il loro Paese natale tramite i social media?

  • Come possono i social media aiutare le ONG che sostengono i diritti dei migranti a divulgare i loro messaggi e raggiungere la comunità?

  • Come i social media influenzano la scelta degli studenti di trasferirsi o studiare all’estero?

     

Ogni membro si concentra su tre domande principali e ognuno trova almeno una persona da intervistare. Durante una delle Global Calls degli studenti di impactmania, la produttrice presso ABC TV News e giornalista vincitrice di Emmy, Carla De Landri, e il presidente del Dipartimento di Studi Religiosi dell’UC, Santa Barbara, Prof. Fabio Rambelli, hanno aiutato gli studenti, fornendogli alcuni spunti, e così ora sono in grado di individuare le giuste domande da fare alle persone che intervistano.

 

Si focalizzano su diverse categorie di persone e le loro relazioni con i social media, nello specifico Anna De Martin sta contattando alcune ONG (Still I Rise, United We Dream e Amnesty International): nelle sue interviste chiede qual è l’obiettivo principale della comunicazione tramite i social per un’organizzazione, come i social sono essenziali per un’organizzazione nel raggiungere i migranti e com’è cambiato l’approccio dell’organizzazione ai social con la pandemia da COVID-19.

 

Per Amnesty International Italia, ha già intervistato Ilaria Masinara, campaign manager, e Ginevra Candidi, social media manager, e per Still I Rise ha intervistato Vincenzo Vasco, social media manager.

 

Chiara Meneghini intervisterà una ragazza italiana, Gemma Pellegrini, 17 anni, che si è trasferita da Udine a New York 8 anni fa, chiedendole perché si è trasferita, come si è sentita la prima volta che è arrivata negli Stati Uniti e se la sua opinione è cambiata, e infine come resta in contatto con il suo Paese natale e se segue le notizie italiane.

 

Alessandra Scomparin porta l’esperienza di sua cugina Elena, che ha deciso di studiare in California per un semestre durante l’università, domandando se i social media hanno aiutato o influito in qualche modo sulla decisione di studiare all’estero e com’è diverso l’uso dei social media in America; sta anche cercando un esperto di algoritmi per individuare in base a cosa vediamo certi post o storie e come cambia da persona a persona.

 

Federica Riccobono sta cercando un sociologo, e sta analizzando i cambiamenti linguistici con i social media, comparando quanto siano significativi i social media e i mezzi “classici” nel flusso migratorio e se un Paese può influenzare la migrazione tramite le notizie.

 

Edoardo Mecchia sta provando a intervistare uno YouTuber, dato che la sua vita è basata sui social. Vuole scoprire come lo hanno aiutato a spostarsi per tutto il mondo, così come quale dei paesi che ha visitato ha il più alto livello tecnologico e dell’uso dei social. Edoardo Mecchia intervisterà anche un uomo italiano che lavora per Mercedes Benz a Stoccarda, in Germania, dopo aver studiato all’Università di Londra e ha lavorato per alcuni mesi in California, e gli chiederà come mai ha deciso di trasferirsi all’estero, come si è sentito la prima volta in un Paese nuovo e quanto sono utili i social per restare in contatto con la sua famiglia e i suoi amici in Italia.

 

Chiara Della Bianca intervisterà Chiara Bardelli Nonino, photo editor per Vogue Italia e L’Uomo Vogue, chiedendosi quanto sono importanti i social media nel suo lavoro; la sua famiglia è una delle maggiori produttrici di grappa, la famiglia Nonino, ed è stata la prima distilleria italiana a vincere il premio “Wine Enthusiast Star Award Spirit Brand/Distiller of the Year 2019”, quindi anche la grappa ha emigrato oltre i confini friulani, quindi i social hanno un ruolo indispensabile nella pubblicità del prodotto all’estero.

 

Gli studenti sono molto entusiasti per il progetto. Questo gruppo è molto avanti con le sue ricerche, hanno già trovato le persone da intervistare e presto pubblicheranno le loro scoperte.

Agli studenti piace il programma di internship di impactmania perché richiede tempo e impegno, ma sono liberi di organizzare la loro tabella di marcia. Margherita ha detto, “E’ un’opportunità per iniziare a pensare in una maniera più concreta, un metodo di lavoro che non ci è mai stato insegnato a scuola. Abbiamo la possibilità di conoscere persone ed esperti nella nostra area d’interesse e imparare come loro hanno affrontato il problema che stiamo analizzando, e inoltre sviluppiamo una grande autostima nel dover parlare in inglese davanti a persone che non abbiamo mai incontrato prima; Paksy [fondatrice di impactmania che ha iniziato e guida il programma] e Francesca ci aiutano moltissimo.”

 

Francesca Milocco, program manager e community liaison di impactmania ha dato il suo input dicendo: “I social media sono molto potenti nell’influenzare la mente umana perché i loro contenuti sono prevalentemente visivi.”

 

L’economista Kate Raworth scrive: “I racconti più significativi della storia sono stati quelli espressi con le immagini. […] Bastano 150 millisecondi al cervello per riconoscere un’immagine e solo 100 millisecondi in più per darle un significato.”

 

Inoltre, Dr. Lynell Burmark, esperta di letteratura visiva spiega che “a meno che le nostre parole, concetti e idee non siano collegati ad un’immagine, entrano in un orecchio, attraversano il cervello ed escono dall’altro orecchio. Le parole sono processate dalla nostra memoria a breve termine in cui possiamo trattenere solo 7 bit di informazioni … Le immagini, al contrario, finiscono direttamente nella memoria a lungo termine in cui restano indelebilmente incise.”

 

Membri del gruppo:

Margherita Scialino (MV Scuola)
Anna De Martin (MV Scuola)
Alessandra Scomparin (MV Scuola)
Chiara Della Bianca (MV Scuola)
Alice Nadalin (MV Scuola)
Mariasole Mauri (MV Scuola)
Gaia Montanaro (MV Scuola)
Edoardo Mecchia (MV Scuola)
Giulia Sonego (MV Scuola)
Chiara Meneghini (MV Scuola)
Federica Riccobono (MV Scuola)
Caterina Mauro (MV Scuola)

 

About the Author:

impactmania features people and projects that drive cultural, social, and economic impact. This is to inspire, involve, and connect current and next-generation’s impact makers.
This website works with basic cookies and third party services. We do not sell any of the data collected. I got it!